Un'estate fa (I grandi tascabili)

Un'estate fa (I grandi tascabili)

Camilla Baresani

Language: Italian

Pages: 239

ISBN: 8845270068

Format: PDF / Kindle (mobi) / ePub


Il romanzo di una passione e di un’estate. Erica è una giornalista milanese che si occupa di serial televisivi, sposata con un veterinario. Gerardo, un suo amico d’infanzia, vive alla giornata e ha fondato un’associazione per la difesa dei diritti dei padri separati. Arnaldo è un produttore di documentari, che a Roma convive stancamente con Stella: un uomo solo, a dispetto dell’intensa vita sociale che conduce. Sono loro i personaggi principali di un vortice sentimentale che si sviluppa intorno alla improvvisa e prepotente storia d’amore tra Erica essere quel che sembra, e che si svolge nella cornice svagata e fatua di mostre d’arte, eventi mondani, festival, tra Roma, Milano, Capalbio, Cortina e Venezia. Camilla Baresani torna al romanzo, dopo L’Imperfezione dell’amore, con un altro, riuscito ritratto degli uomini e delle donne di oggi, dei loro amori tanto fuggevoli quanto capaci di lasciare segni indelebili nel cuore; e ritrae col suo consueto stile dissacrante una società vacua e ansiosa di apparire, disincantata ma che si lascia sorprendere dalla forza dei sentimenti.

The Girls

Hand to Mouth: A Chronicle of Early Failure

In Evil Hour

Moody Food

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

decise. Scelse un bilocale in un palazzo cinquecentesco a piazza Navona: il classico indirizzo da sogno per chiunque, tranne per i romani veri e propri, che considerano anzitutto l’impossibilità di arrivarci in macchina e di trovare un parcheggio a distanza accettabile, oltre al fastidio dell’assalto incessante dei turisti. L’ingresso era maestoso, e così lo scalone in marmo. Si saliva per due lunghe volute di gradini consunti, tra busti, affreschi e intonaci scrostati, si entrava

Chissà cosa diavolo penserà l’autista, mi chiesi ancora una volta. “Certo, chiarissimo,” risposi, esitante perché non capivo dove volesse andare a parare. “Ti dico tutto questo perché voglio aiutarti a volare alto, ad alzarti sulle masse e a diventare una reazionaria, cioè una persona che non ha paura della realtà. Tu devi smettere di avere paura. Anzi: tu non devi avere paura. Non devi avere paura del destino di tuo padre riflesso dentro di te.” Mi mancò il fiato, mi sentii ardere. “Sai di mio

sta per farlo, ma poi frena di colpo, si dilegua, sparisce. Inutile scervellarsi alla ricerca di un perché, vuol solo dire che in lui è scoppiato l’amore vero: quello per un altro. Tornai a casa alle tre e mezza del mattino. Non avevo mai fatto così tardi, e Giacomo mi fece una scenata. “Libera di fare quello che vuoi, ma almeno avverti! Io sono qui che mi preoccupo e tu non ti fai viva?! ‘Avrà perso il portafoglio e il telefono e le chiavi della macchina? L’avranno stuprata in un parcheggio?’ Ti

ricordi Tempo per leggere, quell’episodio di Ai confini della realtà?” “No. Non mi pare.” “Dài, è famosissimo! È uno dei telefilm più angoscianti che abbia mai visto…” “Dimmi il titolo in inglese…” “Non lo so. Time enough at least, mi pare.” “At last, immagino.” “Forse.” “Be’, che c’entra con la paura di diventare ciechi?” “Allora: c’è un impiegato di banca fissato con la lettura. L’unica cosa che gli interessa è leggere, ma viene continuamente disturbato e ostacolato dal capufficio e

teorico o addirittura filosofico,” sembrò concludere, mentre già tutti intervenivano per dire la loro su quali fossero le migliori ragazze, se le artistiche o le prosaiche o le qualsiasi. Era un tema che evidentemente appassionava. Pensai: questo me lo devo ricordare per future tavolate. Parlare di quali siano le migliori ragazze di festival e biennali. Con quel chiasso, era difficile tenere a lungo il pallino della conversazione. Bisognava scandire le frasi, cercando un volume medio che

Download sample

Download